La tradizione locale

«La scultura è una arte che, levando il superfluo de la materia suggetta, la riduce a quella forma di corpo che nella idea de lo artefice è disegnata.»

G.Vasari, Le Vite, De la Scultura

L’arte degli scalpellini, detti a Fanano picchiarini, ha origini molto antiche nel territorio di Fanano. Le prime pietre lavorate datate con certezza risalgono al periodo romano, e ancestrale è la figura della Marcolfa, volto di pietra che veniva posto nel punto in cui si era cominciata la costruzione di un’abitazione o di una stalla, o sulle porte o sugli architravi per scacciare gli spiriti maligni.

Durante i secoli del Medioevo l’arte degli scalpellini (generalmente artifex) conobbe una grande diffusione: l’arte romanica era un coacervo di capitelli e pilastri istoriati: gli episodi più importanti dell’arte plastica settentrionale sono legati alla decorazione del duomo di Modena e a Wiligelmo, che vi lavorò tra il 1099 e il 1120 circa eseguendo con la sua scuola le sculture e i rilievi della facciata.

Dai capitelli del Duomo di San Silvestro alle innumerevoli Maestà scolpite sparse sul territorio, dalle decorazioni dei palazzi dei nobili rinascimentali alle marcolfe sugli edifici rustici, tutto a Fanano parla di pietra.

E’ molto antica l’arte degli scalpellini, a Fanano detti “picchiarini”

Le prime pietre lavorate risalgono al periodo romano

La parola “Fanano” incisa in lingua armena su una pietra. 2010

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti i cookie su questo sito. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close